We're aware of an issue with converting some DOC, DOCX, ODT, and RTF files to EPUB through our Ebook Wizard.

At this time, we're investigating the problem and looking for a solution.

If you've encountered this issue while converting your file, we suggest attempting to create and upload an EPUB directly to our system.

While there are a number of EPUB conversion options, Calibre (Download Here) has shown the best results for creating an EPUB for the Lulu system. Please review their extensive Help resources (Found Here) to create an EPUB 2 that our system can validate.

We've also created this Forum Thread. Post questions here and we'll do our best to respond and assist.

Pseudonimo e pagina copyright

Ciao, vorrei pubblicare un libro sotto pseudonimo, che quindi comparirà in copertina come nome dell'autore. Vorrei sapere se, nella pagina di copyright, devo mettere il nome reale o lo pseudonimo. Grazie.

Commenti

  • esistono diverse discussioni a questo riguardo

    http://connect.lulu.com/t5/forums/searchpage/tab/message?filter=labels&q=pseudonimo

    tra cui questa nota informativa della redazione di lulu:

    http://connect.lulu.com/t5/Processo-di-pubblicazione/Posso-usare-un-nome-d-arte-invece-del-mio-nome-reale/ta-p/33511

    in tema di attribuzione e corrispondenza tra autore e "nom de plume"

    dal punto di vista giuridico, sebbene, per ragioni di opportunismo e per ingenerare confusione artatamente si cerchi di confondere copywrong e diritto d'autore, il secondo nasce nel momento stesso della comunicazione al pubblico di un'opera (un legale potrà essere più preciso), il primo (il copywrong che è il copyright quando è eccessivamente e immotivatamente lungo es: i 70 anni che azioni di lobbismo cercano di protrarre a 95 anni dopo la morte dell'autore, mentre da studi di economisti risulta che 15 anni sono più che abbastanza), è un mezzo per monopolizzare il mercato, frenare la concorrenza, fare false affermazioni dopo essersi assicurati leggi che permettano  lo spergiuro impunemente a certi gruppi di cartello (ad esempio per togliere di mezzo un sito seguito, perfettamente in regola, ma troppo popolare per i gusti di altre piattaforme commerciali o catene di distribuzione) ecc...

    correttamente quindi, si tratta di una questione relativa all'abbinamento univoco di un nome d'arte ad un nome anagrafico e il copywrong non deve entrarci necessariamente, soprattutto quando ci sono, specie per chi si pubblica da sé, mezzi molto più flessibili ed efficaci, come le licenze creative commons, con cui ci si possono riservare alcuni diritti lasciando liberi gli altri di recitare in pubblico, copiare, diffondere, fotocopiare ecc... dei testi per i quali, mancando il battage pubblicitario (efficace e martellante e continuo, ma spesso di dubbio gusto e a base di scandali montati ad arte) di una editrice tentacolare, è importante soprattutto per essi, che CIRCOLINO e siano letti, per ampliare la platea di potenziali acquirenti

     

  • In Italia, durante l'assegnazione e la registrazione di un ISBN, viene espressamente chiesto lo pseudonimo, che sarà quello che comparirà in tutti i circuiti di vendita come se fosse l'autore, e poi il copyright, rimane segreto alla vista, ma lega l'opera ad una persona reale, che può anche non essere la stessa che ha utilizzato uno pseudonimo. Per rispondere alla tua domanda: lo scopo dell'utilizzo di uno pseudonimo è dovuto al fatto di voler rimanere anonimo? Se la risposta è no, allora meglio mettere nel copyright il nome vero... una soddisfazione in più per l'autore.

  • Sì, l'idea è di rimanere anonimo. Però non so se è legale mettere un nome non reale nel copyright. Grazie.

  • Dunque sarebbe possibile ma non consigliabile?

Accedi oppure Registrati per commentare.