UNA CORRETTA IMPAGINAZIONE: utilizziamo Word.

In qualità di Editore, mi capita spesso di ricevere file in Word, che devo praticamente ricreare perché sono impaginati a caso, con la conseguenza che nel riadattare il contenuto, il risultato non sia più quello voluto dall’autore.

Per questo motivo vi indico le basi da seguire per ottenere un libro fatto con criteri adatti in seguito alla pubblicazione. Utilizzo Word come esempio, ma il principio si adatta a tutti i programmi di scrittura.

Intanto è bene precisare che l’altezza dei caratteri non deve essere minore di 12 e non più di 14, misure diverse si utilizzano o quando il libro deve essere utilizzato da ipovedenti, o quando il contenuto non è quello di un romanzo, ma ad esempio, un enciclopedia, con numero di pagine superiore alle 500, o ancora diviso su due colonne per pagina;

Non confondete le PAGINE con le FACCIATE ! Le facciate sono quelle che effettivamente scrivete, mentre le pagine sono la metà delle facciate, ovvero una pagina è composta da due facciate.

Un romanzo di 100 facciate, una volta stampato sarà composto da 50 pagine, quindi un quadernetto e se volete aumentarne il volume, cambiate l’altezza del carattere portandola a 14, così aumentano le pagine, iniziate i capitoli sempre dalla pagina dispari, quella che risulterà a destra aprendo il libro, lasciando vuota o con ampi spazi quella appena precedente, la sinistra con numero pari.

Veniamo alla impaginazione:

Molto importante, preparare le “misure” prima di scrivere il testo, in modo che possiate avere un esatta indicazione di quello che sarà il risultato finale, farlo dopo, comporterà di dover sistemare ogni cosa nuovamente con il rischio di sconvolgere tutto…

Aprite Word, selezionate in alto a sinistra la voce FILE, quindi IMPOSTA PAGINA;

Si aprirà una sorta di scheda, la prima voce è MARGINI.

Nell’ esempio utilizzo il formato A5, che è quello standard per romanzi e libri generici,

Quindi il margine superiore, sarà 2,5 cm quello inferiore 2,00 quello destro e quello sinistro 2,00 cm.

Se il numero di facciate supera le 500, per evitare che le parole poste verso l’interno del libro, quelle dove c’è la rilegatura, si leggano a fatica, aumenterete il valore del margine SINISTRO fino a 3,00 lasciando inalterati gli altri.

La voce RILEGATURA deve essere lasciata a zero, si utilizza solamente quando il libro deve essere rilegato, con elevato numero di pagine, e si sommerà al valore dato nella voce margine sinistro, in maniera proporzionale. In pratica, per libri di 200 – 500 pagine non è necessario inserire valori di rilegatura, ma se volete testarne il risultato fate pure…è così che si impara!

La voce ORIENTAMENTO, sarà ovviamente VERTICALE, quella orizzontale si utilizza ad esempio negli album fotografici o in enciclopedie;

La voce PAGINE non deve essere trascurata, mettete AFFIANCATE, così facendo l’insieme si adatterà a quello che deve essere un libro, e non una raccolta di schede.

Adesso selezionate la scheda CARTA.

Qui selezionate il formato desiderato ( A5 nel nostro caso), oppure se il formato utilizzato è uno di quelli non compresi nel’elenco, come nei casi di Lulu, che usa misure in pollici, dovrete selezionare PERSONALIZZATA e inserire i valori adeguati, ad esempio, il formato REGALE avrà come valori: 15,6 cm e 23,4 cm.

Io consiglio di utilizzare il formato A5 ( 14,8 x 21 ), poiché è quello internazionale, andrà bene ovunque. Tra tutti i formati sconsiglio vivamente di utilizzare l’ A4, mai per un romanzo, ma solo per cataloghi, manuali ecc..

La scheda LAYOUT, infine è molto importante, perché definisce quello che sarà il risultato in fase di stampa, ed in particolare servirà a creare l’indice e una corretta numerazione delle pagine:

Tralascio la spiegazione sulla voce SEZIONE, che sarà oggetto di approfondimento in seguito, ma lasciate tutto com’è ovvero: NUOVA PAGINA.

Quello che a noi interessa saranno le INTESTAZIONI e i PIE’ PAGINA:

selezionate la voce “Diversi per la prima pagina” e “Diversi per PARI e DISPARI”.

La distanza bordo sarà uguale 1,25 sia per l’intestazione che per i piè di pagina.

L’allineamento verticale sarà “in alto”.

In pratica qui si dice a Word di rispettare quelle che sono le regole editoriali, e cioè:

la prima pagina bianca, vuota e senza numero di pagina.

La numerazione delle pagine sarà a destra su quelle di numero dispari e a sinistra su quelle di numero pari, mai la numerazione al centro, poco professionale e pratica!

Adesso potete chiudere la scheda, poi utilizzando il tasto invio, cliccate sulla prima pagina vuota, e continuate a farlo sino a quando non avrete a disposizione almeno 3 pagine bianche.

Quindi cliccate con il mouse sulla seconda pagina, e adesso selezionate la voce in alto a sinistra VISUALIZZA e INTESTAZIONE e PIE’ DI PAGINA;

Da qualche parte nella barra in alto si aprirà, se già non lo era, una barretta con delle icone la prima delle quali sarà inserisci numero di pagina;

Ora cliccate all’interno della sezione “piè di pagina” che risulterà evidenziata, quella in basso, quindi premete l’icona “inserisci numero di pagina”, verificate che essendo voi nella seconda pagina, quindi quella con numero pari, e quindi quella che si troverà a sinistra del libro, il numero di pagina sia tutto a destra, e se non lo è (molto probabile), selezionatelo e poi cercate in alto nella barra di WORD la voce “ allinea a destra”, e cliccateci sopra.

Il numero di pagina si troverà adesso verso l’interno, a destra.

Ripetete la procedura con la pagina numero 3, questa volta però il numero lo lascerete a sinistra, quindi verso l’interno del libro.

Togliete la spunta alla voce “VISUALIZZA- Intestazione piè di pagina”, e se tutto è stato eseguito in modo corretto, dovrete avere come risultato finale:

la prima pagina bianca, senza numero di pagina, e le altre due numerate in modo che le pagine pari abbiano il numero verso destra, e quelle dispari verso sinistra.

Spero sia sufficiente per ora, in seguito vedremo come creare indici, sommari o utilizzare le sezioni per utilizzare le intestazioni di pagina nel modo più appropriato.

Vi ringrazio per l’attenzione, e un KUDOS sarà gradito…

Marco

Commenti

  • Uhm tutto ottimo utile e corretto ma dissento su un punto.

    tu dici

    "Se il numero di facciate supera le 500, per evitare che le parole poste verso l’interno del libro, quelle dove c’è la rilegatura, si leggano a fatica, aumenterete il valore del margine SINISTRO fino a 3,00 lasciando inalterati gli altri."

    e poi dici di mettere la rilegatura a 0 ma così facendo non ci troveremo un margine esterno di 2 ed uno di 3 sulla facciata seguente?

    Credo che per ottenere il risultato da te voluto i margini sian da lasciare a 2 ed eventualmente sia da impostare un valore di rilegatura di 0 per poche pagine fino a 1 oltre le 250 pagine.

    Personalmente un minimo di rilegatura lo metto comunque, anche per un centinaio di pagine (qualche millimetro intendiamoci  Smiley Felice ) giusto per stare più tranquillo.

    Ottimo tutorial comunque. Smiley Felice

  • DEVO FARE UNA REVISIONE PER TOGLIERE DELLE IMMAGGINI NON ADETTE COME DIMENSIONI MA NON MI INQUADRA L'IMPAGINAZIONE PUOI AIUTARIMI A RIFARLA

  • dove posso trovare il continuo ; indici, sommari, intestazioni di pagina nel modo più appropriato?
    per rispondermi [email protected]
  • So per certo che questo marcosap nemmeno ha pagato un suo autore...e viene qui su lulu a rispondere...mah...tirate voi le somme.
  • Buonasera. Sono un unuovo iscritto e quindi scusatemi nel caso in cui avessi utilizzato una sezione del blog sbagliata per porgere la mia domanda. Devo impaginare un manoscritto formato da una serie di racconti utilizzando un template in A5 inviatomi da una casa editrice, ma non riesco ad aggiungere nuove pagine a quelle inserite come esempio nel template. Inoltre ho problemi per inserire nuove intestazioni e numeri di pagina alle pagine che devo aggiungere. C'è qualcuno che può darmi una mano? Grazie anticipatamente...

  • Ciao! Sto scrivendo un romanzo fantasy. Mi viene spontaneo scrivere al presente ma non sono sicura che sua la cosa giusta, tant'è vero che ho cambiato...ma mi rimane comunque il dubbio, perché alcuni passaggi, se uso il presente, mi sembrano più efficaci, non so, più affascinanti. Ho visto che libri come twilight e divergent sono scritti al passato, mentre ad esempio hunger games è perfetto al presente. Hai qualche tipo di suggerimento?
    Grazie
  • grazie, inizio ora e capire come impaginare è un labirinto di informazioni. 

  • Mapi2Mapi2 Reader

    Marcosap ha scritto:

    In qualità di Editore, mi capita spesso di ricevere file in Word, che devo praticamente ricreare perché sono impaginati a caso, con la conseguenza che nel riadattare il contenuto, il risultato non sia più quello voluto dall’autore.

    Per questo motivo vi indico le basi da seguire per ottenere un libro fatto con criteri adatti in seguito alla pubblicazione. Utilizzo Word come esempio, ma il principio si adatta a tutti i programmi di scrittura.

    Intanto è bene precisare che l’altezza dei caratteri non deve essere minore di 12 e non più di 14, misure diverse si utilizzano o quando il libro deve essere utilizzato da ipovedenti, o quando il contenuto non è quello di un romanzo, ma ad esempio, un enciclopedia, con numero di pagine superiore alle 500, o ancora diviso su due colonne per pagina;

    Non confondete le PAGINE con le FACCIATE ! Le facciate sono quelle che effettivamente scrivete, mentre le pagine sono la metà delle facciate, ovvero una pagina è composta da due facciate.

    Un romanzo di 100 facciate, una volta stampato sarà composto da 50 pagine, quindi un quadernetto e se volete aumentarne il volume, cambiate l’altezza del carattere portandola a 14, così aumentano le pagine, iniziate i capitoli sempre dalla pagina dispari, quella che risulterà a destra aprendo il libro, lasciando vuota o con ampi spazi quella appena precedente, la sinistra con numero pari.

    Veniamo alla impaginazione:

    Molto importante, preparare le “misure” prima di scrivere il testo, in modo che possiate avere un esatta indicazione di quello che sarà il risultato finale, farlo dopo, comporterà di dover sistemare ogni cosa nuovamente con il rischio di sconvolgere tutto…

    Aprite Word, selezionate in alto a sinistra la voce FILE, quindi IMPOSTA PAGINA;

    Si aprirà una sorta di scheda, la prima voce è MARGINI.

    Nell’ esempio utilizzo il formato A5, che è quello standard per romanzi e libri generici,

    Quindi il margine superiore, sarà 2,5 cm quello inferiore 2,00 quello destro e quello sinistro 2,00 cm.

    Se il numero di facciate supera le 500, per evitare che le parole poste verso l’interno del libro, quelle dove c’è la rilegatura, si leggano a fatica, aumenterete il valore del margine SINISTRO fino a 3,00 lasciando inalterati gli altri.

    La voce RILEGATURA deve essere lasciata a zero, si utilizza solamente quando il libro deve essere rilegato, con elevato numero di pagine, e si sommerà al valore dato nella voce margine sinistro, in maniera proporzionale. In pratica, per libri di 200 – 500 pagine non è necessario inserire valori di rilegatura, ma se volete testarne il risultato fate pure…è così che si impara!

    La voce ORIENTAMENTO, sarà ovviamente VERTICALE, quella orizzontale si utilizza ad esempio negli album fotografici o in enciclopedie;

    La voce PAGINE non deve essere trascurata, mettete AFFIANCATE, così facendo l’insieme si adatterà a quello che deve essere un libro, e non una raccolta di schede.

    Adesso selezionate la scheda CARTA.

    Qui selezionate il formato desiderato ( A5 nel nostro caso), oppure se il formato utilizzato è uno di quelli non compresi nel’elenco, come nei casi di Lulu, che usa misure in pollici, dovrete selezionare PERSONALIZZATA e inserire i valori adeguati, ad esempio, il formato REGALE avrà come valori: 15,6 cm e 23,4 cm.

    Io consiglio di utilizzare il formato A5 ( 14,8 x 21 ), poiché è quello internazionale, andrà bene ovunque. Tra tutti i formati sconsiglio vivamente di utilizzare l’ A4, mai per un romanzo, ma solo per cataloghi, manuali ecc..

    La scheda LAYOUT, infine è molto importante, perché definisce quello che sarà il risultato in fase di stampa, ed in particolare servirà a creare l’indice e una corretta numerazione delle pagine:

    Tralascio la spiegazione sulla voce SEZIONE, che sarà oggetto di approfondimento in seguito, ma lasciate tutto com’è ovvero: NUOVA PAGINA.

    Quello che a noi interessa saranno le INTESTAZIONI e i PIE’ PAGINA:

    selezionate la voce “Diversi per la prima pagina” e “Diversi per PARI e DISPARI”.

    La distanza bordo sarà uguale 1,25 sia per l’intestazione che per i piè di pagina.

    L’allineamento verticale sarà “in alto”.

    In pratica qui si dice a Word di rispettare quelle che sono le regole editoriali, e cioè:

    la prima pagina bianca, vuota e senza numero di pagina.

    La numerazione delle pagine sarà a destra su quelle di numero dispari e a sinistra su quelle di numero pari, mai la numerazione al centro, poco professionale e pratica!

    Adesso potete chiudere la scheda, poi utilizzando il tasto invio, cliccate sulla prima pagina vuota, e continuate a farlo sino a quando non avrete a disposizione almeno 3 pagine bianche.

    Quindi cliccate con il mouse sulla seconda pagina, e adesso selezionate la voce in alto a sinistra VISUALIZZA e INTESTAZIONE e PIE’ DI PAGINA;

    Da qualche parte nella barra in alto si aprirà, se già non lo era, una barretta con delle icone la prima delle quali sarà inserisci numero di pagina;

    Ora cliccate all’interno della sezione “piè di pagina” che risulterà evidenziata, quella in basso, quindi premete l’icona “inserisci numero di pagina”, verificate che essendo voi nella seconda pagina, quindi quella con numero pari, e quindi quella che si troverà a sinistra del libro, il numero di pagina sia tutto a destra, e se non lo è (molto probabile), selezionatelo e poi cercate in alto nella barra di WORD la voce “ allinea a destra”, e cliccateci sopra.

    Il numero di pagina si troverà adesso verso l’interno, a destra.

    Ripetete la procedura con la pagina numero 3, questa volta però il numero lo lascerete a sinistra, quindi verso l’interno del libro.

    Togliete la spunta alla voce “VISUALIZZA- Intestazione piè di pagina”, e se tutto è stato eseguito in modo corretto, dovrete avere come risultato finale:

    la prima pagina bianca, senza numero di pagina, e le altre due numerate in modo che le pagine pari abbiano il numero verso destra, e quelle dispari verso sinistra.

    Spero sia sufficiente per ora, in seguito vedremo come creare indici, sommari o utilizzare le sezioni per utilizzare le intestazioni di pagina nel modo più appropriato.

    Vi ringrazio per l’attenzione, e un KUDOS sarà gradito…

    Marco


     

  • Mapi2Mapi2 Reader
Accedi oppure Registrati per commentare.